Crollo silos a Mantova: bimbo di 3 anni morto travolto dal mangime

Crollo silos Mantova

Un bambino di 3 anni ha perso la vita nel crollo di un silos a Pegognaga, in provincia di Mantova. La giovanissima vittima si chiamava Giovanni Veneri. Si trovava in campagna insieme al padre Simone, di 32 anni, ferito gravemente ma che al momento non sembra essere in pericolo di vita. Il piccolo è stato travolto dal mangime contenuto dell’aia.

Crollo silos a Mantova

La tragedia è avvenuta alle porte di Mantova nel pomeriggio di domenica 4 agosto. Il piccolo Giovanni è stato travolto dal mangime dopo il crollo del silos appartenente a un’azienda agricola. Il silos si è spezzato in due a causa dell’impatto col suolo. Il mangime ha sepolto il bambino, impedendogli di respirare fino a ucciderlo. Il bimbo, secondo quanto divulgato dai soccorritori della centrale Areu, ha inoltre riportato un grave trauma cranico. Quando il personale sanitario è arrivato sul posto, il piccolo aveva un arresto cardiaco in corso.

In un disperato tentativo di salvargli la vita, i medici lo hanno trasferito d’urgenza all’ospedale Maggiore di Parma a bordo di un elisoccorso. Ma, una volta giunti al nosocomio, sono stati costretti a dichiarare il decesso. Il padre è stato ricoverato in condizioni critiche. Illesi, invece, la madre e il nonno di Giovanni. Proprio quest’ultimo, utilizzando un trattore, sarebbe riuscito a spostare il silos che aveva travolto il nipote prima dell’arrivo dei soccorritori.

Sul posto sono intervenuti anche i Carabinieri della stazione di Pegognaga. Il luogo della tragedia è stato posto sotto sequestro e la Procura ha aperto un fascicolo di indagine.