Crollo termico di 10 gradi

webinfo@adnkronos.com

Un nucleo freddo di origine artica ha fatto irruzione sull’Italia. Oltre alle precipitazioni che risulteranno in qualche zona anche abbondanti e sotto forma di temporali con locali grandinate, assisteremo anche a un netto calo delle temperature. Il team del sito www.iLMeteo.it comunica che tra mercoledì e giovedì aria fredda di origine artica irromperà con prepotenza con intensi e freddi venti di Bora che apriranno la strada ad un brusco crollo delle temperature.  

Le regioni maggiormente coinvolte da questa irruzione saranno quelle settentrionali, in particolare il Nordest, e tutto il versante adriatico centro-meridionale, dalle Marche fino alla Puglia. L'aria fredda tuttavia dilagherà un po' su tutto il Paese portando i termometri su valori decisamente più consoni ovunque. Per quanto riguarda le piogge avremo precipitazioni forti, ma piuttosto veloci, dapprima dal Nordovest verso il Nordest, sulla Toscana e sul Lazio (mercoledì), poi su tutte le regioni adriatiche e su gran parte del Sud (giovedì). 

Il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che il clima si manterrà fresco, a tratti freddo durante la notte e nelle prime ore del mattino sia al Nord e sia sulle zone interne del Centro, fino a venerdì 4 ottobre. A ridosso del weekend è previsto un lieve rialzo delle temperature, ma con un nuovo carico di piogge e temporali su alcune regioni.