Crollo Vigna Jacobini, dopo 21 anni assolto ex amministratore tipografia

webinfo@adnkronos.com

Si è concluso con una sentenza di assoluzione "perché il fatto non sussiste" il processo d'Appello ter per il crollo del palazzo di via di Vigna Jacobini avvenuto a Roma il 16 dicembre 1998 dove morirono 27 persone, di cui sei bambini. Una sentenza che arriva a 21 anni di distanza dal cedimento dello stabile di 5 piani del quartiere Portuense. 

Mario Capobianchi, l'unico imputato, all'epoca amministratore della tipografia che si trovava al piano terra del palazzo, è stato assolto dai giudici di secondo grado dalle accuse di disastro colposo e omicidio colposo plurimo. La Cassazione per due volte aveva disposto un annullamento con rinvio dopo che nel 2002 il tribunale aveva condannato a due anni e otto mesi sia Capobianchi che Vincenzo Modanò, l'altro amministratore della tipografia nel frattempo deceduto, poi la pena venne ridotta a due anni in Appello. Nel 2012 il nuovo giudizio di secondo grado con l'assoluzione di Capobianchi perché il fatto non costituiva reato, di nuovo annullata con rinvio dalla Cassazione.  

"Resta l'amarezza perché il mio assistito per venti anni si è portato addosso il peso di una tragedia di così vaste proporzioni e solo ora ha ottenuto giustizia - ha commentato l'avvocato Alberto Misiani, difensore di Capobianchi - La tipografia non ha avuto alcun ruolo nel crollo del palazzo che, come hanno affermato i periti, era stato costruito con materiali di scarsa qualità e per carenze progettuali. Lo stabile sarebbe venuto giù in ogni caso".