Crozza imita Salvini: “Con 60 milioni mi farei una piscina di Nutella”

Crozza imita Salvini

Nei mesi scorsi aveva fatto scalpore il monologo di apertura di “Fratelli di Crozza”, in onda sul Nove, in cui il comico e imitatore aveva messo a paragone un’opera del grande Monet con una foto di Matteo Salvini in ufficio: “Guarda che meraviglia questo è Claude Monet. È un quadro della serie de i Covoni ed è stato venduto questa settimana da Sotheby’s per 98 milioni di euro. È un dipinto preziosissimo. Allora anch’io vorrei mettere all’asta un’opera unica: un rarissimo “Salvini in ufficio”. Questo che vedete è un “odio su tela” e appartiene alla serie “il Rompi-Covoni”. La base d’asta parte dalla modesta cifra di 49 milioni, praticamente un Salvini vale mezzo Monet. Credetemi questo è un pezzo che li vale tutti anche perché vedere Salvini alla sua scrivania è una perla inestimabile”. Così il conduttore è tornato a ironizzare sulle ultime polemiche che hanno come protagonista proprio il leader della Lega. Nel suo show Crozza imita Salvini e ironizza sul Russia gate.

Crozza imita Salvini: le sue parole

È la polemica con Lilli Gruber a dare il via all’imitazione di Crozza. “La Gruber mi ha accusato di andare al mare con il costume da bagno. Io ci vado con il costume da bagno perché sono una persona normale. È un costume italiano con dentro pacco italiano”, è la battuta di Crozza-Salvini. Rispecchiando perfettamente movenze, gesti, toni e cadenze del leader leghista, il comico-imitatore ha ripetuto di essere una “persona normale” e ha fatto sapere che “in montagna ci vado con il Moncler, in moto con il caso e in Russia con Savoini“.

Non dà risposta a chi gli domanda della Russia, ma mostra la foto di un “piede di un poliziotto morsicato da un senegalese”. “Io mi sono rotto le palle dei senegalesi che vengono a mangiare caviglie ai poliziotti e gomiti alle guardie forestali”, ha continuato mostrando una foto di un gomito insanguinato. “Mi sono rotto degli immigrati che vengono a sgranocchiare arti italiani come se fossero grissini”, ha aggiunto ironicamente. Sui 60 milioni ha detto: “Se avessi 60 milioni di dollari sarei qui con voi?! Mi sarei già costruito una piscina di Nutella”. Crozza ha continuato l’imitazione, affermando: “Mi sono rotto le palle delle nigeriane che vengono a trom****i gli imprenditori italiani”.