Csm, Ardita: ascoltare istanze funzionari trattamento penitenziario

Cro-Mpd

Roma, 29 nov. (askanews) -Oggi nell'ambito dei lavori della commissione del CSM sulla esecuzione penale presieduta da Sebastiano Ardita, presente anche il laico Stefano Cavanna, sono stati sentiti i dirigenti penitenziari e delle aree educative. "Il nostro impegno è diventato pericoloso e insostenibile" questo l'allarme lanciato dai rappresentanti dei funzionari del trattamento auditi a Palazzo dei Marescialli, insieme ai Dirigenti. "Ogni funzionario del trattamento, infatti, ha in carico fino a 150 detenuti rispetto ai quali è chiamato a svolgere l'attività di osservazione, e di trattamento e a redigere l'indagine sociofamiliare indispensabile per la relazione di sintesi. Si tratta di un carico ingestibile "che comporta la redazione di relazioni che finiscono per essere burocratiche", ma quelle relazioni sono alla base delle decisioni della magistratura, che deve giudicare sulla richiesta dei detenuti che vogliono anticipare l'uscita dal carcere.

I funzionari hanno poi parlato dei gravi rischi che vengono affrontati ogni giorno senza avere il riconoscimento giuridico ed economico, ed hanno denunciato che i loro colleghi vengono aggrediti e minacciati sempre più di frequente, nel silenzio generale; rischi che cresceranno con la necessità di "prevedere programmi di trattamento per detenuti mafiosi in ergastolo ostativo". "Se non succede nulla di più grave è solo perché la nostra utenza - e cioè i detenuti - non ha interesse a che ciò accada, perché le condizioni di sicurezza in cui operiamo sono davvero basse". Per questo, sottolinea il Presidente della Commissione Sebastiano Ardita è fondamentale dare ascolto alle loro istanze, come abbiamo fatto oggi, ed anche alla loro richiesta di maggior tutela dei loro compiti e di passaggio ai ruoli tecnici della Polizia penitenziaria.

(Segue)