**Csm: in corsa anche l'avvocato anti-M5S Borré**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 nov. (Adnkronos) – Vero e proprio incubo in casa M5S, spauracchio per Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio sin dagli albori del Movimento, Lorenzo Borré, l'avvocato a capo delle battaglie legali dei delusi grillini, è in corsa come candidato per il Consiglio superiore della magistratura, tra i nomi sui quali saranno chiamate a votare le aule parlamentari. Compresi, dunque, deputati e senatori eletti nelle file del M5S. Che, proprio per la caparbietà di questo avvocato romano ex grillino della prima ora, si è dovuto più e più volte dotare di statuti e regole nuove, di cui Borré però ha sempre cercato la magagna per trascinare Grillo e i suoi in Tribunale. Vincendo svariate cause, e tentandone una anche contro il leader Giuseppe Conte, costringendo il Movimento a rivotarne la leadership. "Non ho sponsor politici, mi propongo come candidato rappresentante dell'avvocatura. Ritengo che il mio curriculum per i diritti costituzionali sia da prendere in considerazione", spiega Borré all'Adnkronos.