Csm, Ermini: se mi fossi dimesso, tutto sarebbe stato come prima

Bla

Roma, 5 giu. (askanews) - "Se mi fossi dimesso avrebbe voluto dire tornare indietro, si sarebbero tolti di mezzo un vicepresidente scomodo. Avrebbero fatte le elezioni con lo stesso sistema e tutto sarebbe stato come prima e questa cosa non va bene". Lo ha detto il vice presidente del Csm, David Ermini, a 'Omnibus' su La7, a proposito dell'inchiesta di Perugia che ha travolto cinque consiglieri togati e il pg della Cassazione membri di Palazzo dei Marescialli.

"Non era nei miei programmi entrare al Csm, ma l'ho fatto molto volentieri e voglio lasciare un segno, cambiare le cose", ha aggiunto.