Csm, fumata nera per il successore di Pignatone: proposti tre nomi

csm

La maggioranza della Commissione sugli incarichi direttivi del Csm non trova un accordo sul nuovo Procuratore di Roma: sul tavolo ci sono tre candidati. Il successore di Giuseppe Pignatone, secondo le prime votazioni, potrebbe essere il Procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi (che ha ottenuto due voti). A seguire sono spuntati i nomi di Giuseppe Creazzo, procuratore di Firenze (che ha guadagnato un voto); e l’attuale reggente della Procura di Roma, Michele Prestipino (anche per lui un solo voto). Due consiglieri si sono astenuti.

Csm, il Procuratore di Roma

Il nome su cui pende la successione a Giuseppe Pignatone come Procuratore di Roma è attualmente Francesco Lo Voi: il Csm è spaccato. Infatti, i consiglieri Loredana Micciché (Magistratura indipendente) e Michele Cerabona, (Forza Italia) hanno votato per lui. Il consigliere Marco Mancinetti (Unicost), invece, ha votato per Giuseppe Creazzo, mentre il consigliere Piercamillo Davigo (Autonomia&Indipendenza) ha scelto di votare per Michele Prestipino. Due consiglieri non hanno partecipato alla votazione: si tratta di Mario Suriano (Area), presidente della commissione, e del laico M5S Alberto Maria Benedetti.

Giuseppe Pignatone è andato in pensione dal maggio scorso e la posizione di Procuratore di Roma è rimasta vacante per mesi. In tale periodo, ad occuparsi delle urgenze è intervenuto il procuratore facente funzioni Prestipino. La pratica per la nomina di Pignanote, però, era stato avviata lo scorso 23 marzo, ma è stata annullata in seguito all’emergere delle intercettazioni dell’inchiesta di Perugia.