Cuba, allarme coronavirus dovuto a un’impennata di positivi

·2 minuto per la lettura
Covid
Covid

L’emergenza sanitaria causata dal coronavirus continua a rappresentare un notevole pericolo a livello mondiale, a causa della costante diffusione del virus e dell’aumento dei contagi. A questo proposito, un considerevole incremento delle infezioni è stato recentemente rilevato a Cuba

Cuba, registrato aumento dei contagi Covid

In sole 24 ore, a Cuba sono stati registrati 786 nuovi soggetti positivi al SARS-CoV-2 e tre nuovi decessi. Una simile cifra rappresenta il dato giornaliero più elevato individuato nella Nazione a partire dal mese di marzo 2020, ovvero dall’inizio della pandemia.

Nell’arco di circa un anno, gli abitanti dello Stato insulare dei Caraibi trovati positivi al coronavirus sono stati 22.614 mentre le vittime accertate sono state 200.

La portata del contagio nello Stato insulare

Sull’espansione del Covid, si sono espresse le autorità sanitarie di Cuba che hanno definito la situazione dello Stato estremamente complessa rispetto alla gestione della pandemia in atto.

Il direttore nazionale di Epidemiologia del Ministero della Salute di cuba, Francisco Durán, ha rilasciato alcune dichiarazioni diramate per mezzo della televisione nazionale, attraverso le quasi ha reso noto che, dei 786 casi riscontrati, 344 sono stati individuati all’Avana, 121 a Santiago de Cuba e, infine, 82 a Guantánamo. Il direttore nazionale ha anche ribadito la necessità di rispettare le norme anti-contagio imposte a livello nazionale e ha preannunciato l’introduzione di nuove misure e limitazioni, sottolineando la necessità di contrastare la diffusione dei contagi che, nel solo mese di gennaio 2021, hanno portato all’individuazione di 10.568 positivi e 54 morti.

Soberana 02, il vaccino cubano in fase di sperimentazione

L’industria farmaceutica cubana si è impegnata a combattere la lotta contro Covid, restando sempre in prima linea. La realtà farmaceutica dello Stato insulare è completamente pubblica ed è composta da scienziati che stanno lavorato a un vaccino anti-Covid, soprannominato Soberana 02, sin dalla comparsa della pandemia. Rispetto al vaccino cubano, l’Instituto Finlay de Vacunas ha affermati di avere intenzione di produrre almeno 100 milioni di dosi di Soberana 02 nel corso del 2021.

Durante una conferenza stampa, il direttore dell’istituto Vicente Verez ha rimarcato l’importanza di fornire il farmaco, a titolo esclusivamente gratuito, a tutta la popolazione cubana e di rendere disponibile il vaccino anche a tutti i Paesi che vorranno richiederlo.

Il Soberana 02 è, attualmente, nella fase 2 della sperimentazione ed è stato inoculato a un campione di pazienti corrispondente a circa 900 soggetti. Inoltre, sulla base delle informazioni rilasciate da Eduardo Martinez, presidente del Grupo Empresarial de Industrias Biotecnologica y Farmaucetica, le somministrazioni stanno mostrando risultati promettenti: pertanto, le prime dosi di vaccino verranno probabilmente distribuite a partire da marzo 2021.