Cucchi, Bonafede: vicino a famiglia, la droga non c'entra nulla

Red/Nav

Roma, 15 nov. (askanews) - "Tutti dovrebbero avere rispetto nei confronti di quei cittadini che lottano per la verità perché in fondo, anche nella diversità delle opinioni, c'è veramente un limite a tutto... e perché nel 'caso Cucchi´ la droga non c'entra veramente nulla". Lo scrive su Facebook il ministro della giustizia, Alfonso Bonafede, dopo la sentenza di condanna per omicidio preteritenzionale. Il guardasigilii fa un chiaro riferimento, pur senza citarle direttamente, alle dichiarazioni rilasciate dal leader della Lega Matteo Salvini. Bonafede spiega: "Come sempre non commento le decisioni dei magistrati, ma sento l'esigenza di esprimere a Ilaria e a tutta la famiglia Cucchi la mia vicinanza. La determinazione di Ilaria Cucchi è l'emblema di quanto sia importante la ricerca della Verità e della giustizia".