Cucchi, processo depistaggio: giudice si astiene, sono ex cc -2-

Nav

Roma, 12 nov. (askanews) - La richiesta di astensione nel processo sui depistaggi per il giudice Bonagalvagno oggi è stata presentata dal legale della famiglia Cucchi e dalle altre parti civili. Nel filone ci sono alti ufficiali come il generale Alessandro Casarsa, che nel 2009 era alla guida del gruppo Roma e il colonnello Lorenzo Sabatino, ex capo del Reparto operativo della capitale. Le accuse contestate a vario titolo sono falso, omessa denuncia, calunnia e favoreggiamento. Il vaglio è all'esame del collegio della VII sezione penale. Imputati sono anche: Massimiliano Colombo Labriola, già comandante della stazione di Tor Sapienza, dove Cucchi venne portato dopo il pestaggio; Francesco Di Sano, che a Tor Sapienza era in servizio quando arrivò il geometra; Francesco Cavallo all'epoca dei fatti capufficio del comando del Gruppo carabinieri Roma; il maggiore Luciano Soligo, ex comandante della compagnia Talenti Montesacro; Tiziano Testarmata, ex comandante della quarta sezione del nucleo investigativo, e il carabiniere Luca De Ciani.