Cucchi, Sappe: restituire onorabilità ad agenti penitenziari -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 15 nov. (askanews) - Il Sappe ricorda infine che già nel dicembre 2009, "la rigorosa inchiesta amministrativa disposta dall'allora Capo del dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria Franco Ionta sul decesso di Stefano Cucchi escluse responsabilità, da parte del personale di polizia penitenziaria, in particolare di quello che opera nelle celle detentive del palazzo di Giustizia a Roma. Noi siamo sempre stati solidali con la Famiglia Cucchi per la perdita del loro familiare, ma anche fieri del nostro lavoro quotidiano e della nostra abnegazione al servizio del Paese. E dicemmo di non avere abbiamo nulla da nascondere, confidando nell'operato della magistratura", sottolinea.

"E la vicenda processuale legata alla morte di Stefano Cucchi ha chiarito da subito, in ogni grado di giudizio, un aspetto per noi molto importante: gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria non hanno alcuna responsabilità - accertata dalla magistratura! - circa la morte di Stefano Cucchi. Ora attendiamo le scuse di chi, indotto in errore o in malafede, ha sostenuto il contrario".