Cucciolo di due mesi sfruttato a Napoli per l’elemosina: è salvo

cucciolo cane

Per fortuna non ha ricevuto alcun maltrattamento fisico e in men che non si dica è stato portato in salvo dagli agenti della polizia di Napoli: un cucciolo di neanche due mesi veniva utilizzato per chiedere l’elemosina da due sfruttatori che, alla vista della polizia, se la sono data a gambe lasciando il cucciolo per strada.

Cucciolo di due mesi salvato a Napoli

Era costretto a stare lontano dalla sua mamma, fermo in una cassetta di plastica arrangiata e con un bicchiere per le monete posto di fronte: i due sfruttatori avevano realizzato la scenetta perfetta per impietosire i passanti alla vista del cucciolo. Sono stati alcuni poliziotti del reparto Tutela Ambientale della Polizia Municipale di Napoli a notare il cucciolo e i due uomini che lo sfruttavano per guadagnare qualche spicciolo. I due sono scappati non appena hanno visto arrivare le forze dell’ordine.

Il cucciolo è stato subito portato presso la struttura Asl Veterinaria Napoli 1 dove sono state verificate le sue condizioni di salute. Verranno effettuati tutta un’altra serie di controlli ed esami, il cucciolo poi sarà vaccinato, gli sarà messo un microchip e verrà preparato per l’adozione, nella speranza di trovare qualcuno in grado di poterne avere cura. Chi maltratta gli animali, secondo l’articolo 544-ter del codice penale viene sottoposto a reclusione dai tre a diciotto mesi oppure deve pagare una multa da 5mila a 30mila euro. Il cucciolo che veniva sfruttato a Napoli da due uomini nel tentativo di chiedere l’elemosina è stato portato in salvo.