Cucina, al Mart di Rovereto apre il nuovo spazio Alfio Ghezzi

Red/Apa

Roma, 19 set. (askanews) - Dal 22 ottobre e per i prossimi 6 anni la Caffetteria del Mart si chiamerà "Alfio Ghezzi" e sarà gestita dall'omonimo chef. Allievo di Gualtiero Marchesi e di Andrea Berton, per quasi un decennio chef della Locanda Margon di Ravina, premiata da due stelle Michelin, Ghezzi è risultato aggiudicatario della gara pubblica indetta dal Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto per la gestione della sua caffetteria.

Recentemente rinnovata negli arredi da Mario Botta insieme allo studio Baldessari e Baldessari, in dialogo con la Collezione del museo che annovera alcuni tra i maggiori capolavori italiani del Novecento, la Caffetteria del Mart è un percorso attraverso il design del XX secolo, rigorosamente made in Italy. Un progetto che rispecchia l'evoluzione del percorso sia interiore che professionale di Ghezzi per dare vita a un vero e proprio spazio culturale nel quale si incontrano i grandi linguaggi della tradizione italiana: cucina, arte e design. "Sono davvero felice di essere in un luogo così profondamente legato al bello e a ciò che faccio perché solo il respiro di qualche istante in questo spazio basta per farmi sentire in sintonia con il Mart", afferma Alfio Ghezzi.

Il concept sarà semplice, così come la proposta. I tavoli non avranno la tovaglia, i piatti serviti saranno semplici sia nella composizione che nell'impiattamento, non mancherà mai un piatto conviviale da mettere in centrotavola e lo chef vivrà non sola la cucina, ma anche la sala, dove farà la sua apparizione per sporzionare alcuni piatti davanti agli ospiti. I prodotti proverranno dalla filiera corta e celebreranno quella che lo chef ha definito "nuova italianità": sapori nostrani, il tutto ad esplicare l'impostazione di informalità e rispetto delle tradizioni che Ghezzi vuole dare al suo locale. Per il Mart Alfio Ghezzi ha elaborato una proposta articolata che, dalle colazioni alle cene, si inserisce e completa l'offerta culturale del distretto museale e che si dimostra profondamente legata alla tradizione culinaria italiana, soprattutto a quella trentina e alla produzione del territorio. Nella scelta degli ingredienti, infatti, lo chef prediligerà quelli locali e punterà a valorizzare la tradizione realizzando conserve, confetture, marmellate e altri prodotti artigianali che verranno elaborati sia all'interno del ristorante che in collaborazione con la cooperativa Mas del Gnac. Grande importanza avranno inoltre la "charcuterie", i formaggi e i sottaceti, che saranno esposti in apposite vetrine.

La presenza di questi prodotti, che secondo la concezione ristorativa italiana sono da collegarsi a un livello piuttosto lontano da quello dell'alta cucina, considerati per lo più cibo "da osteria", rispecchia invece un trend che lo chef ha fatto proprio a seguito della sua esperienza a Copenaghen e che si basa su un atteggiamento rispettoso e responsabile che, oltre a seguire i cicli della terra, permette di prolungare la vita dei prodotti, a riprova dell' impegno di responsabilità ambientale che all'interno del ristorante del Mart si coniuga con il rispetto per la tradizione. Un progetto culturale nel quale si incontrano i grandi linguaggi della tradizione italiana: cucina, arte e design. "Credo che l'arte e la cucina siano in connessione per dare entrambe la possibilità al visitatore o all'ospite di emozionarsi e di portarsi a casa un ricordo indelebile. Se tu ti ricordi un piatto, significa che ti ha emozionato", conclude Ghezzi.