I Cugini di Campagna: "I Maneskin? La nostra versione di 'Zitti e buoni' è più bella"

·1 minuto per la lettura
cugini di campagna (Photo: Ansa)
cugini di campagna (Photo: Ansa)

“Anima mia ci ha portato in giro per il mondo, ancora oggi è richiestissima, in aprile saremo in America e Canada e mi stanno chiamando anche per farla in Africa, ma devo chiarirla ’sta cosa... non vorrei fosse uno scherzo dei Måneskin”. Il pensiero dei Cugini di Campagna va spesso e volentieri alla band romana che nell’ultimo anno ha conquistato il pubblico internazionale. Dalle pagine dei loro social, li hanno accusati di aver copiato il loro look, ma in un’intervista al Corriere sottolineano di non aver alcuna antipatia.

“Noi siamo innamorati di loro. So’ ragazzi de Roma, mi ricordano la mia giovinezza, mi ricordano quanto ho lottato per avere successo. Però oggi loro hanno un bel vantaggio, di questi tempi le case discografiche manco ci pensano a stampare un milione di dischi, sono le visualizzazioni che fanno fare i guadagni”

I cugini di campagna, a “L’anno che verrà” su Rai uno, hanno presentato la loro versione di “Zitti e buoni”, brano che ha portato i Maneskin al trionfo a Sanremo e all’Eurovision.


“Non sa quanti ce la chiedono. L’abbiamo fatta a nostro modo, con quei coretti è la fine del mondo, direi che abbiamo inserito un palese abbellimento alla canzone”.

Non solo i Maneskin, anche i Bee Gees che cantano in falsetto potrebbero essersi ispirati alla band italiana.


“La vocina arriva nel 1977 con Saturday Night Fever. Quindi dopo di noi. Non dico che ci hanno imitati, però sono arrivati alla stessa conclusione. Dopo”

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli