**Cultura: Andrè Ruth Shammah, 'viva Draghi, ha fatto uscire teatri da condizione di fantasmi'**

·1 minuto per la lettura
**Cultura: Andrè Ruth Shammah, 'viva Draghi, ha fatto uscire teatri da condizione di fantasmi'**
**Cultura: Andrè Ruth Shammah, 'viva Draghi, ha fatto uscire teatri da condizione di fantasmi'**

Roma, 19 feb. (Adnkronos) – "E' miele per le mie orecchie sentire pronunciare finalmente la parola teatro. Draghi ci ha fatto uscire dalla condizione di fantasmi. Ha dato un segno di riconoscimento che ridà senso alla missione di fare teatro, che è quella di tenere insieme rapporti, socialità e pubblico. Viva Draghi!". Lo dice all'Adnkronos André Ruth Shammah, direttrice del Teatro Franco Parenti di Milano, una delle realtà più attive in Lombardia, commentando gli interventi del presidente del Consiglio, Mario Draghi, al Senato e alla Camera.

"Oltre al dolore e alla ferita della chiusura – dice la Shammah – c'era anche la desolazione di non sentirsi mai citati dai media, nessun giornalista televisivo che andasse nei teatri, andavano solo nei ristoranti, nelle piste di sci, ma non nei teatri. E sono certa – dice – che le tv che ci hanno ignorato avranno una sorpresa quando vedranno la quantità di pubblico che tornerà a riempire le sale quando si potranno finalmente riaprire".

La Shammah cita inoltre "un'inchiesta dell'università di Berlino che dà ai Teatri l'indice di contagio da Covid, con uno spettacolo di due ore ovviamente in piena sicurezza e con il dovuto distanziamento, pari allo 0,5%, mentre ai supermercati dà l'1%, al fitness in palestra il 3,4% e ai ristoranti con tavoli distanziati il 2,3%. Adesso vediamo cosa succederà. Intanto dico grazie a Draghi perché noi dei teatri non siamo più fantasmi. Lui è un uomo di cultura – osserva – e l'ha dimostrato durante i discorsi in Parlamento, ascoltando tutti con calma, prendendo appunti, non usando i social. Ha dato una vera lezione di cultura a tutti. Quindi – conclude – viva Draghi e, perché no, viva Renzi".