Cultura: Mattarella, 'arte e spettacolo non sono superfluo ma essenziali in società'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 mag. (Adnkronos) – "Desidero qui riprendere una considerazione della bravissima Pilar Fogliati, che ha dedicato un pensiero toccante ai colleghi che lavorano nel mondo dello spettacolo dal vivo: la musica, la danza, il teatro. Durante i lunghi mesi della pandemia hanno subito la cancellazione totale della loro attività, dei loro cartelloni, delle loro tournée. L’augurio che desidero esprimere è che per tutti si apra una stagione di vera ripresa. Ne hanno bisogno i professionisti che vi lavorano, con le loro famiglie. Ne abbiamo bisogno gli spettatori. L’arte, lo spettacolo, la musica non sono il superfluo, ma una componente essenziale della vita della società". Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della cerimonia al Quirinale di presentazione dei candidati ai Premi “David di Donatello” per il 2022.

"Il Piano nazionale di ripresa e resilienza -ha poi ricordato il Capo dello Stato- ha destinato alla cultura e al cinema importanti risorse. La cultura è un vettore indispensabile dello sviluppo. Ora dobbiamo fare in modo che gli investimenti producano i risultati sperati".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli