Cultura, Pd: con Registro nazionale attori pi diritti e sostegno

Pol/Gal

Roma, 25 giu. (askanews) - "L'intento di questa proposta di legge quello di definire, come gi avvenuto con successo per altre categorie professionali, lo status di attore e di istituire presso il ministero del Lavoro il registro nazionale delle attrici e degli attori professionisti, in base a requisiti individuati e condivisi dalla categoria stessa. La realizzazione di un registro non sancisce chi attore e chi no, n esclude dall'esercizio della professione chi non vi rientrasse. Le produzioni, infatti, resteranno sempre libere di assumere anche un assoluto debuttante. La pdl si prefigge lo scopo di riconoscere l'alto valore sociale della professione di attrice e di attore e mira a dare forza e identit alla categoria di chi del lavoro di attore ha fatto una professione su cui contare. Questo per dare valore alla professionalit, nell'interesse anche dei giovani che matureranno i requisiti in futuro". Cos le deputate dem, Marianna Madia, Debora Serracchiani e Flavia Piccoli Nardelli Piccoli, che hanno depositato alla Camera la proposta di legge per il riconoscimento dell'attrice e dell'attore professionisti.

"La qualifica di professionista - aggiungono le deputate del Pd - sar riconosciuta a coloro che abbiano redditi derivanti dalla professione di attrice e di attore o di altre arti dello spettacolo superiore al 50% del reddito da lavoro, che siano in possesso di un diploma rilasciato da istituti pubblici o privati autorizzati alla formazione di attrici e attori e un livello minimo di contributi previdenziali. Svolgere la professione di attore oggi in Italia ancora estremamente difficile. La questione della regolamentazione dell'accesso alle professioni nel settore dello spettacolo complessa e controversa, tuttavia divenuto ormai impossibile ignorare i problemi causati dall'assenza di una regolamentazione. Gli attori e le attrici vivono una condizione spesso critica determinata dalla mancanza di tutele e di diritti riconosciuti. La pandemia in atto - concludono - ha dunque accelerato la necessit di una discussione sulla figura dell'attore e delle attrici e il loro riconoscimento professionale".