Cultura: Rampi (Pd), 'tax credit musica per investimenti in creatività'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 nov (Adnkronos) – "Con la pubblicazione in GU del DM sul Tax credit musica si chiude un cerchio importante. Il nuovo provvedimento estende l’agevolazione a tutte le opere musicali (non solo opere prime o seconde), amplia il plafond del regime de minimis (sino a 800 mila euro nel triennio) e stabilizza “una semper” il tax credit dando prospettiva e visione pluriennale per la filiera". Lo dice il senatore Roberto Rampi, capogruppo Pd in commissione Cultura a palazzo Madama.

"Siamo molto soddisfatti che questo percorso sia giunto alla sua conclusione. Siamo convinti che porterà benefici reali e concreti agli artisti e ai produttori. Unitamente alla stabilizzazione del bonus18, all’incremento del fondo per l’audiovisivo e ad altre misure inserite in Legge di Bilancio, va a completare un pacchetto di norme per l’industria culturale del nostro paese, che rappresenta un’eccellenza italiana che va sostenuta e incentivata", prosegue Rampi.

"Col tax credit musica negli anni scorsi sono stati prodotti i Maneskin: l’auspicio che adesso il Made in Italy musicale possa internazionalizzarsi ancora di più”, conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli