Cultura: Salvini, 'no a ottusa cappa sinistra, tutto può e deve essere detto' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Ognuno -ha insistito il leader della Lega- è libero di vivere la sua vita come vuole, di far l'amore con chi vuole, di andare a cena con chi vuole, di guardare le trasmissioni che vuole, di leggere i libri che vuole, di frequentare il corso universitario che vuole, ma io pretendo di essere libero di poter fare l'esatto contrario senza essere qualificato con il suffisso ofobo o ista, non sono nè ofobo nè ista e non lo rivendico".

"C'è da parte di una certa sinistra un'ottusità, una voglia di omologazione e di pensiero unico preoccupante. Spero che la policy della community non ci abbia bloccato, il germe della libertà e della curiosità, che fa rima con libertà, sono il passato, il presente, e il futuro".

"Conta -ha lamentato Salvini- più la policy della community su Twitter, su Facebook, che non l'artcolo 21. Il diritto penale e la Costituzione sono lì da leggere, dietro un click lontano migliaia di chilometri c'è la policy della community. E' normale che un ex Presidente degli Stati Uniti non possa parlare per due anni? Non è civile, non è democratico, non è utile al confronto: ammesso e non concesso che sostenga pubblicamente delle idee bizzare, lontane, assurde, prive di fondamento, le si contrasta con delle idee invece assolutamente solide, sane, precise".