Cuperlo: Pd va ripensato in modo radicale ma non a partire da nome

Pol/Arc

Roma, 7 nov. (askanews) - "Il nuovo Pd che uscirà dalla convention di Bologna avrà un nuovo nome? Il Pd va ripensato in modo radicale, ma non a partire dal nome. Se si parte dal nome non ne sortiamo". Lo dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, Gianni Cuperlo, presidente della Fondazione Pd e organizzatore della convention del partito che si terrà a Bologna.

"Alla convention lanceremo un'app, sarà una cosa seria, è un modo per convincere le persone che alla politica si può partecipare anche in modo diverso", ha aggiunto Cuperlo a Rai Radio1. Come vede questo governo 'giallorosso'? "Credo che per farlo funzionare bisognerebbe immaginarlo come fosse una cordata, dove è necessario esser legati l'uno con l'altro. Se tiri troppo la corda poi basta un alito di vento per romperla definitivamente". Eppure sembra che sull'esecutivo non manchi il 'fuoco amico'..."Il fuoco amico non funziona, bisogna collaborare e cooperare altrimenti meglio andare a votare", ha concluso Cuperlo a Rai Radio1.