"I curdi non ci aiutarono durante la seconda guerra mondiale, non ci aiutarono in Normandia"

HuffPost
President Donald Trump answers questions from reporters during an event on

Il presidente Donald Trump difende la sua decisione di ritirare gli Usa dal nord-est della Siria, criticando i curdi che non avrebbero aiutato gli americani durante la seconda guerra mondiale. “I curdi stanno combattendo per la loro terra”, ha osservato il presidente durante un evento alla Casa Bianca. Il ritiro degli Usa dalla Siria è stato annunciato improvvisamente domenica scorso dopo la telefonata di Trump con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Le Forze democratiche siriane, guidate dai curdi, l’hanno definita “una coltellata alla schiena”.
Ma i curdi “non ci aiutarono durante la seconda guerra mondiale, non ci aiutarono in Normandia, ad esempio”, ha detto Trump, rispondendo sull’offensiva sferrata dalla Turchia che ha annunciato di aver già colpito 181 basi dei terroristi nel nord-est. Il presidente americano ha dunque lamentato “l’enorme quantità di soldi” spesa dagli Usa per consentire ai curdi di acquistare armi e munizioni. “Detto questo - ha aggiunto - i curdi ci piacciono” ma non si può dire che “combattano per noi: loro combattono per la loro terra”.
Quanto al pericolo di fuga di terroristi dell’Isis in seguito all’invasione turca, Trump ha sottolineato che “scapperebbero in Europa”, dunque non metterebbero a rischio la sicurezza americana. I ogni caso, i terroristi più pericolosi sono già stati spostati in luoghi più sicuri, ha spiegato Trump, mentre il dipartimento di Stato ha fatto sapere che gli Usa hanno preso in custodia due esponenti britannici dell’Isis: Alexanda Kotey e El Shafee Elsheikh, detti i “Beatles” per il loro accento ‘british’, membri di una cellula che ha brutalmente torturato e ucciso ostaggi occidentali. Tra le loro vittime, il giornalista americano James Foley, decapitato in un video propaganda dell’Isis nell’agosto del 2014. Della cellula faceva parte anche Mohammed Emwazi, più noto come ‘Jihadi John’, colui che decapitò Foley e che sarebbe stato ucciso in...

Continua a leggere su HuffPost