Curevac si arrende, ferma iter vaccino all'Ema. Punta su 2° generazione

·1 minuto per la lettura
17 June 2021, Baden-Wuerttemberg, Tübingen: A sign with the logo of the biopharmaceutical company Curevac stands in front of the company's headquarters in Tübingen. According to an interim analysis, the efficacy of Curevac's vaccine candidate CVnCoV is significantly lower than that of other already approved Corona vaccines.       (to dpa
17 June 2021, Baden-Wuerttemberg, Tübingen: A sign with the logo of the biopharmaceutical company Curevac stands in front of the company's headquarters in Tübingen. According to an interim analysis, the efficacy of Curevac's vaccine candidate CVnCoV is significantly lower than that of other already approved Corona vaccines. (to dpa

CureVac annuncia la decisione di ritirare il suo candidato vaccino anti-Covid di prima generazione dall’attuale iter di approvazione in corso all’Ema. L’azienda tedesca si concentrerà sullo sviluppo dei candidati vaccini a mRna di seconda generazione ai quali sta lavorando in collaborazione con la britannica GlaxoSmithKline.

La decisione - spiega CureVac - è anche allineata alle dinamiche in evoluzione della risposta alla pandemia: si va infatti verso una maggiore necessità di vaccini differenziati per affrontare una situazione in cui il virus sarà endemico. Come diretta conseguenza di questa scelta, CureVac informa anche che “cesserà l’attuale accordo di acquisto anticipato con la Commissione europea” e si prepara ad affrontare le esigenze della fase acuta della pandemia.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli