Cyberattacco alla Siae, i ricatti mossi nei confronti degli artisti italiani

·2 minuto per la lettura
sia
sia

In seguito all’attacco hacker che ha colpito la Società italiana degli autori e degli editori (Siae), alcuni artisti hanno ricevuto numerosi sms che contenevano richieste di riscatto.

Attacco hacker alla Siae: la diffusione dei dati sul dark web

Sono tanti gli artisti che hanno ricevuto sms con richieste di riscatto da parte degli hacker che, nella giornata di mercoledì 20 ottobre, hanno sottratto oltre 70 gigabyte di file alla Siae.

Gli sms sono stati inviati dopo che gli hacker dell’Everest ransom team, un gruppo emergente che si è reso protagonista di altri episodi controversi nel corso degli ultimi mesi, ha divulgato 1,95 giga di materiale rubato alla Siae, corrispondenti a circa 5.200 file da sottrarre agli oltre 28.000 illegalmente custoditi.

Sul dark web, infatti, circolano svariati dati relativi a diversi personaggi noti, incluse carte di identità di molti cantautori.

L’obiettivo del gruppo, a quanto si apprende, consiste nella vendita dei file al fine di ottenere 500.000 dollari in bitcoin. Gli hacker, inoltre, hanno garantito che procederanno alla cancellazione di tutti i file in loro possesso dopo aver ricevuto il denaro richiesto. Queste le informazioni rilasciate da Everest ransom team online dopo aver annunciato la mancata volontà della Siae di accettare la richiesta di riscatto di 3 milioni di euro.

Attacco hacker alla Siae: richieste di riscatto ad Al Bano, Bersani e altri artisti

Tra gli artisti italiani che, nei giorni dopo il cyberattacco, hanno ricevuto sms sospetti, figurano personaggi come Al Bano o Samuele Bersani.

Per quanto riguarda Al Bano, il cantante è stato ripetutamente contattato per iscritto da ignoti che alludevano alla vicenda della Siae. Nella maggior parte dei casi, all’artista veniva richiesto l’invio di dati da parte di sconosciuti che asserivano di essere dipendenti della Siae.

Nel caso di Samuele Bersani, invece, il cantautore ha ricevuto il seguente sms: “Benvenuto nel Dar kweb, abbiamo tutte le informazioni, numero di telefono indirizzo, Iban, se non vuoi che non vengano rese pubbliche paga tramite BTC al seguente indirizzo 10.000 euro entro e non oltre il giorno 22”.

All’sms, poi, è stato allegato un link che, ricorrendo al sistema informatico Tor, reindirizza al Dark web.

Attacco hacker alla Siae: gli sms inviati agli artisti italiani e le indagini dellaProcura di Roma

In relazione agli sms ricevuti dagli artisti italiani come Al Bano e Bersani, non è ancora stato rivelato se i messaggi sono stati invitati dall’Everest ransom team o se siano opera di truffatori che stanno tentando di sfruttare la situazione a proprio vantaggio.

Intanto, sul cyberattacco, la Procura di Roma ha aperto un fascicolo e sta indagando per accesso abusivo a sistema informatico e tentata estorsione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli