Cyberbullismo, Gelmini (Fi): "Battaglia è culturale"

Pol/Vlm

Roma, 22 ott. (askanews) - "L'adolescenza è una stagione della vita straordinaria che va rispettata e tutelata da tutti gli episodi di bullismo. E' triste apprendere che il 45 per cento dei ragazzi, vittime di atti di bullismo sul web, pensa che l'unica arma possibile sia l'indifferenza, ossia non denunciare fatti di violenza anche per un senso di vergogna. E' profondamente sbagliato e deve far riflettere". Lo dichiara Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, intervenendo al convegno promosso dalla deputata Federica Zanella (FI), presso la sala Regina di Montecitorio, dal titolo 'Il web 6 tu - Azioni contro il cyberbullismo, sexting, revenge porn, hate speech e per la tutela dei minori sul web.

"In Parlamento ci siamo occupati della fase sanzionatoria votando la legge sul revenge porn, ma non basta per superare il fenomeno. E' una battaglia culturale che va affrontata a partire dalla scuola. Di fronte a questa 'banalità del male' siamo tutti responsabili, anche quando non prendiamo decisioni o ci voltiamo dall'altra parte. Fondamentale è l'educazione alla cittadinanza che deve essere inserita tra le materie di studio. Il web non è una zona franca, in cui tutto è concesso. Di fronte agli episodi di violenza bisogna reagire, non solo attraverso interventi normativi e sanzionatori, ma attraverso attività di prevenzione e soprattutto recuperando il valore della parola, dei gesti e dell'educazione".