Cybersicurezza, Milano avrà rete di comunicazione quantistica

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 7 giu. (askanews) - È stato firmato oggi, nell'Aula Magna del Politecnico di Milano, l'accordo di collaborazione tra Politecnico di Milano, Regione Lombardia, Aria, Intesa Sanpaolo e il I Reggimento Trasmissioni dell'Esercito per la nascita di una rete di comunicazione quantistica a Milano. L'obiettivo principale della collaborazione è dotare Milano, prima città al mondo, di una rete ultrasicura post-quantum (cioè sicura anche dopo l'avvento dei quantum computer) sulla quale sperimentare le più avanzate tecnologie per la trasmissione di dati e la cyber-sicurezza.

L'accordo è stato firmato alla presenza di Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano, dell'assessore per l'Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione di Regione Lombardia, del Colonnello Valerio Golino Comandante del 1° Reggimento Trasmissioni dell'Esercito Italiano, di Lorenzo Gubian, Direttore generale, Aria spa e Fabio Ugoste, Responsabile Direzione Centrale Cybersecurity and Business Continuity Management di Intesa Sanpaolo.

"Puntiamo a essere entro i prossimi tre anni - ha dichiarato l'assessore all'Innovazione e Ricerca di Regione Lombardia - tra le prime regioni in Europa nel campo della cyber-sicurezza". "Con questo progetto - ha proseguito - parliamo di un'infrastruttura sicura e veloce per la trasmissione e la condivisione di dati, che avrà applicazioni dirompenti anche in termini di cybersicurezza. Sono sempre più frequenti attacchi hacker sia alle istituzioni sia al mondo produttivo, investire in strumenti che possano mettere il territorio nelle condizioni migliori per tutelarsi è una nostra priorità". "Con questo accordo, infatti - ha concluso -, sarà possibile sviluppare e sperimentare le più avanzate tecnologie di sicurezza per applicazioni di trasferimento dati in ambito finanziario, amministrativo, sanitario e di intelligence".

Quella di oggi è la tappa intermedia di un percorso nato nel marzo dello scorso anno con la firma di un accordo fra la Regione Lombardia e il Politecnico di Milano. Sulla base di una misura per la ripresa economica post-Covid, le due istituzioni si impegnavano a realizzare, in co-finanziamento, una rete per lo scambio di 'chiavi quantistiche' basata sui 5 nodi disposti nel tessuto urbano di Milano ed utilizzante come canale di comunicazioni le fibre ottiche già installate in città. Sebbene ci siano già state negli anni scorsi sperimentazione di trasmissioni quantistiche, sia in Italia che in Europa, questa è la prima volta in assoluto che viene realizzata una vera e propria rete di comunicazione quantistica e non una semplice trasmissione punto-a-punto.

Tre dei cinque nodi della rete verranno fisicamente collocati in tre realtà di Milano, che rappresentano ciascuna un campo di applicazione prioritario per la sicurezza dei dati: Intesa Sanpaolo, Caserma Santa Barbara sede del 1° Reggimento Trasmissioni dell'Esercito e l'Agenzia Regionale per l'Innovazione e gli Acquisti (Aria) della Regione Lombardia. Gli altri due nodi saranno collocati nei due Campus cittadini del Politecnico di Milano, Leonardo e Bovisa.

Questo Accordo rientra nel 'Programma degli interventi per la ripresa economica: sviluppo di nuovi accordi di collaborazione con le università per la ricerca, l'innovazione e il trasferimento tecnologico' di Regione Lombardia che prevede Accordi di collaborazione con gli enti pubblici afferenti al sistema universitario lombardo, di cui sette università pubbliche e un Istituto Universitario di Studi Superiori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli