"Da 2 mesi attendo sepoltura di mia madre", Pierluigi Battista scrive a Raggi

·1 minuto per la lettura

"Gentile sindaca Raggi, a due mesi dalla morte di mia madre l’urna con le sue ceneri giace in un deposito stracolmo senza possibilità di ritirarla o di darle sepoltura. Tra un comizio e una strada che sprofonda avrebbe la gentilezza di provvedere?". Così, su Facebook, il giornalista Pierluigi Battista rivolgendosi alla sindaca di Roma Virginia Raggi.

Solo un mese fa un caso simile era stato sollevato dal deputato del Pd Andrea Romano, che a due mesi dal decesso non era stato ancora in grado di seppellire il figlio Dario, disabile dalla nascita e morto a Roma il 22 febbraio per un arresto cardiaco improvviso. Dopo un'attesa di due mesi per la cremazione, l'urna era in attesa di essere ancora tumulata due mesi dopo. Dopo la bufera sulla sindaca e Ama, Raggi era intervenuta porgendo le sue scuse e annunciando di aver convocato l'azienda per capire cosa fosse successo.