Da Banca Giappone atteso intervento per favorire entrate banche

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 mar. (askanews) - La Banca del Giappone allargherà il range d'oscillazione dei tassi d'interesse a lungo termine per rendere la vita più semplice alle istituzioni finanziarie. Lo scrive oggi il Nikkei, anticipando decisioni che dovrebbero uscire venerdì dalla riunione di politica monetaria dell'istituto centrale nipponico.

Durante la due giorni che comincia oggi, secondo il Nikkei, la BoJ stabilirà di allargare leggermente il range dei tassi a lungo termine a +/-0,25% rispetto allo 0,20% attuale, in un contesto in cui si intende comunque mantenere bassi i tassi. Questo dovrebbe consentire alle banche di avere una possibilità di aumentare le entrate.

Inoltre la BoJ dovrebbe decidere, secondo il Nikkei, di abolire il suo target di acquisto di fondi ETF, che ora è a 6mila miliardi di yen (55 miliardi di dollari) all'anno, e di effettuare tali acquisti solo in momenti di turbolenza nei mercati.

Dopo che si sono diffuse queste notizie, il rendimento dei bond a 10 anni del governo nipponico è cresciuto allo 0,115%, con un incremento dello 0,025% rispetto al giorno precedente. Anche lo yen è salito rispetto al dollaro e in borsa i titoli dlele banche hanno fatto un balzo in avanti.