Da campo rom Napoli a Roma per rubare, ladri in trasferta con sirena polizia

webinfo@adnkronos.com

Sgominata la banda di ladri che da un campo rom, nel napoletano, andava in trasferta fino nella capitale, per razziare lussuose abitazioni con l'utilizzo improprio di auto con sirena bitonale in dotazione alle forze dell’ordine. Il personale della Squadra Mobile di Caserta, con l'ausilio di personale della Squadra Mobile della Questura di Roma, ha eseguito a Roma, il fermo di indiziato di delitto per furto aggravato in abitazione, commesso in Palestrina località Carchitti (Roma), a carico di K.L. 48 anni D.R. classe 21 anni, A.S. 32 anni.  

I tre sono stati denunciati per possesso di arnesi atti allo scasso, ricettazione di targhe di autovettura risultate compendio di furto e resistenza a pubblico ufficiale. Invece denunciati a piede libero per ricettazione anche D.T. 32 anni e D.D. 26 anni, quest'ultimo poi tratto in arresto perché destinatario di ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva, emesso in data lo scorso anno dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli - Ufficio esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di 3 anni 7 mesi di reclusione. 

Tutti e cinque i soggetti di origine rom lo scorso 13 settembre sono stati individuati dai poliziotti per aver commesso un furto a Palestrina (Roma). Rintracciata la loro autovettura segnalata da alcuni residenti gli agenti procedevano al controllo degli occupanti del veicolo, un'Audi  bianca A/4, con successiva perquisizione dell'abitazione a loro in uso da qualche mese, sita in zona Borghesiana. 

Nel domicilio venivano trovati in possesso di arnesi atti allo scasso, di oggetti preziosi per un valore di circa 30 mila euro e denaro in contante 2.400 euro, risultati compendio del furto avvenuto poco prima nell’abitazione a Palestrina. Importante è stata anche la testimonianza di una vicina di casa della vittima del furto che aveva segnalato alla polizia proprio  il modello dell’auto dei ladri Nella disponibilità dei malfattori, tutti residenti in un campo nomadi del napoletano, oltre all'Audi A/4 di colore bianco, con apposte targhe rubate, veniva rinvenuta, all’interno del cortile dell'abitazione a loro in uso, una BMW serie uno di colore blu, la quale da accertamenti era stata utilizzata per perpetrare furti in appartamento con utilizzo improprio di sirena bitonale in dotazione alle forze dell'ordine. Entrambe le autovetture venivano poste in sequestro.  

Nel corso della perquisizione domiciliare inoltre veniva rinvenuta una pistola giocattolo, probabilmente anch'essa provento di furto, che è stata sottoposta a sequestro. Sabato per i tre fermi vi è stata disposta la  convalida dalla Procura della Repubblica di Roma e naturalmente in carcere rimane anche il quarto della banda già ricercato per gli stessi reati.