Da Corbyn a Hugh Grant, l'ultimo assalto a Johnson. Ma i Tory restano in vantaggio nei sondaggi

Federica Olivo
Jeremy Corbyn - Boris Johnson - Hugh Grant

Sullo ‘scandalo sanità’ si giocano le ultime ore della campagna elettorale britannica. E su Boris Johnson, che i sondaggi continuano a dare in vantaggio, piovono gli attacchi: da Corbyn a Hugh Grant, gli oppositori dei Tories tentano l’ultimo assalto al voto. Anche se il risultato delle urne sembra ormai essere tutt’altro che incerto, e tutto il suo partito fa quadrato intorno a BoJo.

Ad alimentare il già crescente polverone sull’Nhs (il sistema nazionale sanitario britannico) è arrivata una ricerca pubblicata dal Guardian. Sostiene che dal 2016 quasi 5.500 pazienti sono morti perché hanno atteso troppo tempo negli ospedali sovraffollati. I lunghi ritardi nella ricerca di letti - è la conclusione dello studio - stanno costando la vita a troppe persone. Le cifre, allarmanti, diffuse dal quotidiano britannico, hanno dato al leader del Labour un’ulteriore occasione di puntare il dito contro conservatori: “L’Nhs deve essere adeguatamente finanziato e al momento non lo è”, ha detto Jeremy Corbyn alla Bbc. Per il capo dell’opposizione i conservatori vogliono vendere il servizio sanitario ad aziende private. In questo modo il principio del trattamento gratuito per tutti non sarebbe più garantito. “Tutte le ricerche mostrano che c’è un gran numero di ospedali dove i pazienti sono a rischio a causa della carenza di personale, a causa della mancanza di attrezzature, a causa della scarsa manutenzione degli edifici ospedalieri,” ha detto ancora Corbyn.

La polemica sul sistema sanitario era iniziata già prima che fossero diffusi i dati sulle morti in corsia. Il premier, infatti, è stato accusato di “disumanità” per essersi rifiutato di guardare la foto di un bambino di quattro anni malato di polmonite abbandonato a terra in un ospedale di Leeds. Un’immagine simbolo delle difficoltà del sistema sanitario britannico. Quando si sono accorti della gravità del gesto - compiuto, sostengono, per distrazione - i Tory hanno provato a...

Continua a leggere su HuffPost