Da Di Battista a Patuanelli, big del M5S su Fb in difesa di Crimi

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Un articolo in cui viene "offeso gratuitamente. Che tristezza". Vito Crimi bolla su Facebook come "fango" un articolo pubblicato sul Corriere della Sera che lo etichetta come un 'orsacchiotto che voleva fare il ministro'. E incassa la solidarietà di alcuni big del M5S. "Una vergogna indecente. Solidarietà Vito", scrive Alessandro Di Battista; "hai tutta la mia solidarietà Vito! Forza", gli fa eco Stefano Buffagni. Anche il ministro uscente Stefano Patuanelli esprime solidarietà: "conosco Vito da molti anni ed è una delle persone migliori che ho incontrato nel Movimento 5 Stelle".

"Da giorni su giornali e tv assistiamo a un fuoco di fila infarcito di insulti, risatine e allusioni contro il Movimento 5 Stelle" scrive in una nota il capogruppo Ettore Licheri e i componenti dell'ufficio di presidenza del gruppo Movimento 5 Stelle al Senato. "Oggi la ciliegina sulla torta: sulle pagine del Corriere della Sera un articolo (se così si può chiamare) vergognoso, perfidamente costruito su attacchi gratuiti al capo politico Vito Crimi. Non c'è che dire! Un giornale che si definisce autorevole dà spazio a una maionese di insulti degna di Libero… anzi forse peggio. Siamo la principale forza politica in Parlamento, al governo abbiamo fronteggiato sin qui in maniera efficace la pandemia e adesso stiamo affrontando un momento complesso che riguarda il futuro di questo Paese. Libertà di stampa non significa libertà di insulto. Chiediamo rispetto, o quantomeno obiettività. Ma quella, si sa, appartiene ai veri giornalisti".