Da dicembre prima moneta con il volto di re Carlo

Britain's King Charles III reacts as he meets with families from Afghanistan, Syria and Ukraine who have settled in Aberdeen, during a visit to Aberdeen Town House, on October 17, 2022. (Photo by Jane Barlow / POOL / AFP) (Photo by JANE BARLOW/POOL/AFP via Getty Images)
Da dicembre prima moneta con il volto di re Carlo (photo by Jane Barlow / POOL / AFP) (Photo by JANE BARLOW/POOL/AFP via Getty Images)

Carlo d’Inghilterra è a tutti gli effetti un re nuovo di zecca. Prima però che la sua effigie esordisca dentro i borsellini dei sudditi britannici, bisognerà attendere dicembre, quando nello Stato d’Oltremanica entreranno in circolazione le monete con inciso il volto di Carlo III, eletto sovrano del Regno Unito il 10 settembre scorso.

Dunque, dopo sette decenni in cui il retro di tutti i tagli della sterlina - metallici o cartacei - è stato contrassegnato dall'immagine in primo piano della regina Elisabetta II, scomparsa l'8 settembre all’età di 96 anni, il conio britannico ha emesso la prima moneta con il ritratto di re Carlo III su una delle facciate. Si tratta di una moneta da 50 pence (mezza sterlina) e il profilo del nuovo sovrano è stato realizzato dallo scultore Martin Jennings, ispirato a un dipinto ufficiale di Carlo risalente alla celebrazione del suo 70esimo compleanno.

LEGGI ANCHE: Elisabetta II, ecco come Carlo ha scoperto che la regina stava per morire

Essersi visto commissionare questo storico primo esemplare della moneta "è stata un'esperienza alquanto rimarchevole”, ha commentato con orgoglio Jennings, citato dalla Bbc. “E’ l’opera più piccola che io abbia mai realizzato - ha precisato l’artista - e sono contento che le sterline saranno tenute in mano da così tante persone”.

GUARDA ANCHE: Quanto è costato il funerale della regina Elisabetta?

Il conio ha comunicato che l’aggiornamento visuale della valuta non costerà nulla ai contribuenti: la sostituzione delle monete e delle banconote per usura è fisiologica e costantemente in atto.

Ciò non significa che i metalli raffiguranti Elisabetta II spariranno all’improvviso, ma ci sarà un processo graduale che porterà alla sostituzione progressiva delle attuali monete e banconote. I nuovi 50 pence entreranno nelle tasche di inglesi, scozzesi, gallesi e irlandesi sotto Natale, ma intanto le sterline con il volto della regina defunta continueranno ad avere valore. Per quanto riguarda invece i pound cartacei, il volto di Elisabetta sarà presente ancora per un anno intero: la nuova cartamoneta verrà introdotta gradualmente solo a partire dal 2024. Come dire, lunga vita alla regina.

GUARDA ANCHE: Carlo re senza corona, cosa succede nella famiglia reale?