Da Fond. Cariplo 3,5 mln a recupero spazi abbandonati a uso cultura

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 24 giu. (askanews) - Fondazione Cariplo promuove il recupero e la rifunzionalizzazione di spazi in disuso attraverso il bando senza scadenza Spazi in trasformazione che mette a disposizione 3,5 milioni di euro per sostenere processi di riuso atti a sperimentare nuove funzioni di natura culturale e restituire alla fruizione delle comunità tali luoghi, in prospettiva durevole.

Il presupposto che ha portato al bando è il fatto che la definizione top down di nuove funzioni d'uso, a seguito di interventi strutturali di recupero e rifunzionalizzazione di edifici e spazi sottoutilizzati, in alcuni casi si è rivelata inadeguata all'innesco di processi virtuosi di nuova fruizione da parte delle comunità. Con il bando Spazi in trasformazione Fondazione Cariplo abbraccia invece la prospettiva del riuso transitorio, un approccio che si fonda sull'ascolto delle comunità di riferimento e che consente la definizione bottom up di nuovi usi per gli spazi.

Il riuso transitorio è finalizzato alla costituzione, nei luoghi di progetto, di un'offerta culturale attrattiva, coerente, stabile e sostenibile, ad esempio: attività di progettazione partecipata, installazioni artistiche, performance culturali, residenze artistiche, offerta laboratoriale, servizi di ospitalità e ristorazione.

"Per affrontare i grandi cambiamenti che stiamo vivendo abbiamo bisogno di una proposta culturale che ci aiuti a leggere la realtà, che sia sempre più vicina alle persone e che le raggiunga lì dove abitano. Per questo è necessario sperimentare nuovi modelli di produzione e fruizione di cultura, che sappiano ridare vita a luoghi significativi per i territori" ha commentato in una nota il presidente Giovanni Fosti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli