Da 'io sono Giorgia' al Times, l'exploit della Meloni

webinfo@adnkronos.com

Oggi si ritrova tra i venti personaggi che potrebbero 'plasmare' il 2020, come scrive il 'Times', rimasto particolarmente colpito dal successo ottenuto dal comizio rap - poi diventato un vero tormentone sul web - nel quale la leader di Fdi grida a piena voce 'io sono Giorgia, sono una donna, sono una madre, sono cristiana'. E' il 19 ottobre dello scorso anno, quando con quelle parole Meloni 'conquista' il palco di piazza San Giovanni a Roma. Il suo intervento scalda la piazza e, quando viene trasformato in una parodia che impazza in rete, lei ci ride sopra: obiettivo centrato.  

Ma chi è Giorgia Meloni? Nata a Roma, alla Camilluccia, sotto il segno del Capricorno, classe '77, secondogenita di Francesco, commercialista di origini sarde, e di Anna Paratore, Meloni a tre anni si trasferisce con la sorella Arianna e la madre alla Garbatella. Comincia a masticare pane e politica a soli 15 anni, a 21 anni diventa consigliere An della provincia di Roma, poco dopo arriva il 'salto' in Parlamento. E' stata la più giovane deputata e poi la più giovane vicepresidente della Camera. È stata anche il ministro più giovane della nostra storia, al dicastero della Gioventù, nel Berlusconi quater (2008-2011) per poi fondare, nel 2012, Fratelli d’Italia.  

Ha sempre rivendicato le proprie origini modeste e la baby-sitter non è l'unico lavoro fatto per mantenersi agli studi. "Giorgia è una brava tata", disse di lei Fiorello ricordando il periodo in cui Meloni faceva la baby sitter della figlia di sua moglie, Susanna Biondo. Gelosa della sua privacy, ha un compagno, l'autore televisivo Mediaset Andrea Giambruno, conosciuto sul set di Quinta Colonna. Da lui ha avuto nel 2016 una figlia, Ginevra (Meloni annunciò la gravidanza nel corso del Family day). Ha sempre avuto una passione per la Mini Cooper, l'iconica auto inglese, che guida personalmente: sostenitrice dello stile 'sobrio', Meloni ha infatti sempre evitato le auto blu.