Tutte le teorie sul monolite di metallo trovato nel deserto dello Utah

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Utah Department of Public Safety
Photo credit: Utah Department of Public Safety

From ELLE Decor

Notizia da giro del mondo in cinque minuti: un misterioso monolite ha fatto capolino nel deserto dello Utah e sta facendo parlare il Pianeta Terra intero. Pianeta Terra, ma che dico? Non solo! Le teorie che rispondono alla domanda: "Da dove arriva questa lastra metallica?" stanno tirando in mezzo anche visite extraterresti inaspettate. Inoltre, c'è chi sostiene che somigli alle sculture firmate dall'ormai scomparso artista minimalista John McCracken; altri ne trovano le copie nel capolavoro di Kubrick, 2001: Odissea nello Spazio. Una cosa è certa: chiunque abbia messo questo monolite nell'area più remota del deserto dello Utah voleva stupire il mondo (e oltre).

E ci è riuscito. Perché quando i biologi della Utah Division Wildlife lo hanno avvistato dal loro elicottero, mentre conducevano un conteggio di routine delle pecore di Bighorn, ne hanno dato immediato avviso senza rivelare le coordinate esatte dell'oggetto. Le foto - quelle sì che le hanno scattate - lo ritraggono in un canyon di roccia rossa, in una cornice paesaggistica che rimanda all'area sud del deserto.

Non è di certo naturale. Secondo Bret Hutchings, il pilota dell'elicottero, il monolite sarebbe fatto di acciaio o di metallo e raggiungerebbe l'altezza di 3 o 4 metri. "Presumo sia un artista della new wave o qualcosa del genere o, sai, qualcuno che è stato un grande fan di 2001: Odissea nello spazio", ha detto Hutchings alla KSL News. Eppure, nessun artista ha rivendicato l'opera - come se l'arte contemporanea si stesse godendo una candid camera. Così i complottisti lo ritengono una firma da pianeti extraterresti. Vero è che nemmeno il portavoce di McCracken, David Zwirner, abbia ancora rilasciato dichiarazioni - nonostante sappiamo che l'artista sia vissuto tra il vicino nord del New Mexico e New York fino alla sua morte nel 2011.

Photo credit: Andia - Getty Images
Photo credit: Andia - Getty Images

Tuttavia, prima di passare a ipotesi complottiste ricordiamo pure che la natura degli Stati Uniti Occidentali è stata protagonista di numerose installazioni di Land Art. A partire dal Double Negative di Michael Heizer vicino al confine con lo Utah in Nevada (1969) fino al Magnum Opus Spiral Jetty nel Great Salt Lake di Robert Smithson (1970). E chissà quante ancora ne dovranno venire...