Da lunedì la mostra virtuale “Caruso, Corelli, Di Stefano 1921-2021”

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 lug. (askanews) - Sarà online lunedì 2 agosto la mostra virtuale "Caruso, Corelli, Di Stefano 1921-2021 / Miti del canto italiano" che per un anno porterà tutti i visitatori dei portali italiana.esteri.it e teatroallascala.org a scoprire e approfondire le vite dei tre grandi tenori, immergendosi nell'atmosfera di uno dei Teatri più famosi al mondo. Promossa dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, prodotta dalla Fondazione Teatro alla Scala, realizzata dal Museo Teatrale alla Scala e curata da Mattia Palma, la mostra celebra un triplice centenario: la scomparsa, proprio il 2 agosto del 1921, di Enrico Caruso e la nascita, nello stesso anno e a pochi mesi di distanza l'uno dall'altro, di Giuseppe Di Stefano e Franco Corelli, indimenticabili protagonisti della scena operistica nazionale e internazionale.

Un progetto unico, interattivo e immersivo, con cui la Farnesina prosegue il suo impegno nella diffusione della cultura italiana: grazie alle Ambasciate, ai Consolati e agli Istituti Italiani di Cultura la mostra viaggerà nel mondo permettendo a chiunque, ovunque, di conoscere più da vicino tre degli artisti più rappresentativi del panorama musicale operistico del nostro Paese, capaci di traghettare nella modernità il mito ottocentesco del tenore.

Visitando "Caruso, Corelli, Di Stefano 1921 - 2021 / Miti del canto italiano", il pubblico potrà muoversi liberamente negli ambienti riprodotti del Teatro alla Scala, anch'esso protagonista in una ricostruzione in 3D inedita che fonde spazi reali ad allestimenti architettonici interamente virtuali. Tramite l'interazione con punti sensibili (hotspot) sarà possibile approfondire temi e contenuti di ciascuna sezione, e accedere ai video realizzati da Punto Rec Studio, curatore dello spazio virtuale con allestimento architettonico progettato da Lorenzo Greppi (Studio Greppi), con materiali concessi da Rai Teche e Warner Classics.

Il percorso espositivo inizia con la figura di Enrico Caruso, pioniere dell'incisione discografica e simbolo della nuova sensibilità di un'epoca in cui l'eroismo tenorile ottocentesco cedeva il passo a interpretazioni più borghesi e intime, per poi proseguire con Franco Corelli e Giuseppe Di Stefano, protagonisti accanto a Maria Callas della scena lirica degli anni Cinquanta.

Attraverso le testimonianze della stampa e delle fotografie di scena, questa sezione della mostra restituisce il clima artistico degli anni in cui la Scala e i suoi artisti erano portabandiera della ripresa italiana tra il dopoguerra e il boom economico. Gran finale con il "concerto impossibile", un'esibizione virtuale dei tre artisti che interpretano la stessa aria: Vesti la giubba dai Pagliacci di Leoncavallo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli