Da Napoleone a Quasimodo, la lunga storia di Notre Dame

La cattedrale di Notre Dame, ubicata nella parte orientale dell’Île de la Cité, nel cuore della capitale francese, è una delle costruzioni gotiche più celebri del mondo. (Credits – Getty Images)

Le fiamme che avvolgono la cattedrale più famosa al mondo, il fuoco che distrugge rapidamente Notre Dame, uno dei simboli del Cristianesimo e un luogo che ha scritto la storia della Francia e dell’Europa. Un disastro in diretta tv, che ha tenuto milioni di persone con lo sguardo fisso a quelle fiamme distruttrici e che in poche ore hanno quasi cancellato 850 anni di storia.

La cattedrale di Notre Dame, ubicata nella parte orientale dell’Île de la Cité, nel cuore della capitale francese, è una delle costruzioni gotiche più celebri del mondo. E la storia di Notre Dame nasce il 12 ottobre 1160, quando il teologo Maurice de Sully divenne vescovo di Parigi e promosse subito la costruzione di una nuova cattedrale. Il nuovo edificio sarebbe sorto in stile gotico, che si era già affermato in Francia con la costruzione della basilica di Saint-Denis (che è oggi ancora la più antica chiesa gotica al mondo) e la costruzione iniziò nel 1163, in due fasi: entro il 1250 venne completato l’edificio, mentre fino alla metà del XIV secolo si ebbe una serie di interventi alla struttura sia interna, sia esterna, fino a raggiungere l’aspetto attuale.

E da allora la cattedrale di Notre Dame ha vissuto alcune delle pagine della storia occidentale più importanti. A partire dal 1431, quando in piena Guerra dei cent’anni, Enrico VI, già Re d’Inghilterra, venne incoronato Re di Francia proprio nella Cattedrale di Notre-Dame, il giorno 16 dicembre 1431. E se quello fu il momento peggiore per la Francia e l’incoronazione uno sfregio per il Paese, ben diverso fu il 1909, quando nella cattedrale avvenne la beatificazione di Giovanna d’Arco – bruciata al rogo proprio poche decine di metri da lì -, eroina francese.

A Notre Dame il 24 aprile 1558 si sposò Maria Stuarda, mentre il 2 dicembre del 1804 nella cattedrale fu celebrata la cerimonia di incoronazione di Napoleone che si auto-incoronò imperatore dei francesi. Durante la II Guerra Mondiale, poi, vi fu il “Te Deum” celebrato dopo la Liberazione davanti al général De Gaulle.

Ma Notre Dame, ovviamente, è anche protagonista della letteratura e della cultura popolare. Indimenticabile è il capolavoro di Victor Hugo, appunto il “Notre-Dame de Paris”, mentre più di recente i più piccoli si sono innamorati della cattedrale gotica grazie a “Il gobbo di Notre Dame” l’adattamento Disney del romanzo di Hugo, con protagonista Quasimodo, il deforme campanaro della cattedrale di Notre-Dame.

(Duccio Fumero)

Potrebbe anche interessarti:

Notre Dame, perché non si potevano usare i Canadair

Charlie Hebdo, vignetta satirica sul rogo di Notre Dame come fatto per Genova e Amatrice

L’interno di Notre Dame dopo l’incendio