Da Napoli a Milano, studenti in piazza per il No Meloni Day

featured 1672463
featured 1672463

Milano, 18 nov. (askanews) – Da Napoli a Milano, giornata di mobilitazione studentesca a livello nazionale contro il governo e le annunciate politiche in tema di istruzione: è il “No Meloni Day”, organizzato da Rete degli Studenti Medi, Unione degli Universitari e collettivi locali con cortei, presidi e assemblee in decine di città.

Una mobilitazione ampia e plurale, per chiedere investimenti strutturali su diritto allo studio, ambiente, lavoro e salute mentale, spiegano gli organizzatori.

A Napoli sono arrivati manifestanti da tutta la Campania. “Scendiamo in piazza contro un governo che ha cambiato il nome del ministero, da ministero dell’istruzione a ministero dell’istruzione e merito aumentando ancora di più le disuguaglianze degli studenti. Siamo anche contro la dispersione scolastica, la questione delle scuole di serie a e serie b che caratterizza anche il Sud italia in particolare”, ha detto una stidentessa napoletana.

“Crediamo che questi siano i momenti, alla luce del governo che si è insediato, che dimostrano chi sono realmente i giovani in Italia. Il governo a pochi giorni dal suo insediamento ha portato avanti una grossa politica di repressione verso gli studenti e verso i giovani che si organizzano. Lo abbiamo visto con le cariche alla Sapienza e con il primo decreto varato dal governo che sui media si definisce decreto antirave”.

Anche a Milano gli studenti sono scesi in piazza partendo, come da tradizione, da largo Cairoli per attraversare il centro scandendo slogan antifascisti e in difesa della scuola dietro lo striscione del Coordinamento collettivi studenteschi con la scritta “La generazione meticcia e queer in lotta per il futuro”.

Tensione davanti alla sede di Assolombarda dove i giovani dietro gli striscioni “Anima antifascista” e “Contro questo governo” si sono fermati e seduti per terra alzando le mani dipinte di rosso per ricordare i loro colleghi morti nei mesi scorsi durante l’alternanza scuola-lavoro.