Da oggi in Campania il dispositivo di protezione diventa facoltativo all'aperto

De Luca mascherine obbligatorie

Da oggi, 22 giugno, in Campania la mascherina non è più obbligatoria se si passeggia all’aperto, ma resta necessario tenerla sempre con sé in modo tale da indossarla qualora ci si rechi in un luogo chiuso o si formi un assembramento di persone. Sul tema il governatore della Regione, Vincenzo De Luca, ha le idee molto chiare: “Il fatto che non sia obbligatoria all’esterno non vuol dire che non si possa o debba indossare. Io continuerò ad usarla fino ad ottobre, quando saremmo in condizioni di assoluta tranquillità. Invito i cittadini a fare altrettanto. Da oggi in poi è decisivo il senso di responsabilità del singolo. Non ci saranno più controlli capillari”.

De Luca e le mascherine obbligatorie

De Luca approfitta di un incontro con la stampa anche per sottolineare – ancora una volta – come la Campania si sia comportata in maniera diligente, molto più di altri territori: “Siamo stati la Regione più rigorosa riguardo le chiusure e devo dire con orgoglio che ci siamo salvati per questo. Abbiamo chiuso spazi pubblici 15 giorni prima del Governo nazionale e di altre regioni. Quando noi chiudevamo, in Lombardia e altre regioni del nord si brindava in piazza”. Poi sulle mascherine non più obbligatorie il presidente campano ha aggiunto: “Oggi siamo a contagio zero. In sostanza, l’epidemia è sotto controllo per cui, considerando che stiamo andando incontro alla stagione estiva, ci sembrava ragionevole rendere facoltativo l’uso delle mascherine. Questo non vuol dire che potremmo toglierle definitivamente. Nei luoghi chiusi e in presenza di assembramenti sono ancora obbligatorie”.

“Dunque – conclude De Luca – è ancora obbligatorio portare la mascherina con sé. Io continuo ad indossarla anche per dare un esempio. È chiaro che se consideriamo di stare su una spiaggia ad agosto un minimo di flessibilità è ragionevole, però bisogna avere molta prudenza”.