Da paesi Asean segnali positivi: prospettive buone Pil 2021

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 feb. (askanews) - I paesi dell'area Asean (Associazione delle nazioni del Sudest asiatico) segnalano previsioni promettenti per il 2021, con un ritorno a una crescita relativamente sostenuteìa dopo l'anno pandemico 2020.

Singapore, una delle principali piazze finanziarie del mondo, prevede un aumento del proprio Pil per l'anno in coeso tra il 4 e il 6 per cento, dopo un calo nel 2020 del 5,4 per cento.

La città-stato in realtà nel 2020 è riuscita in maniera brillante a tenere sotto controllo il Covid-19, ma ha subito le conseguenze della crisi pandemica globale.

Le Filippine, dal canto loro, prevedono un rimbalzo del Pil superiore al 6,5 per cento e entro il 7,5 per cento, dopo che nel 2020 hanno registrato un crollo del Pil del 9,5 per cento. Tuttavia va segnalato che nell'arcipelago ci sono incertezze sull'andamento del programma di vaccinazione.

Buona anche la performance prevista dall'Indonesia, il più popoloso paese musulmano del mondo, che prevede una crescita tra il 4,5 e il 5,5 per cento dopo una contrazione lo scorso anno del 2,1 per cento. Giacarta sta procedendo a tappe forzate con un programma di vaccinazione.

Più limitata invece la crescita prevista dalla Thailandia, che prospetta un crescita tra il 2,5 e il 3,5 per cento. Il paese sconta il crollo del turismo globale a causa del Covid, ma anche una pesante crisi politica.

Non ci sono dati a disposizione invece dalla Malaysia, che si trova attualmente in stato d'emergenza per il Covid, e Myanmar, dove c'è stato un colpo di stato militare che ha rovesciato il governo civile della leader de facto Aung San Suu Kyi.

La storia di maggior successo nella regione resta comunque quella del Vietnam. Il paese socialista ha bloccato ai suoi confini il Covid nel 2020, mantenendo il suo Pil in territorio positivo del 2,9 per cento (una crescita dichiarata superiore alla Cina). Per il 2021 prevede un +6,5 per cento.