Da Regione 2.4 mln per gestione in sicurezza impianti sci lombardi

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 apr. (askanews) - La Giunta regionale della Lombardia ha approvato i criteri per l'assegnazione dei contributi di sostegno alla gestione in sicurezza degli impianti di risalita e delle piste da sci dei comprensori sciistici lombardi, per le stagioni invernali 2021-2022 e 2022-2023. "Con 2,4 milioni di euro a fondo perduto - ha sottolineato in una nota Antonio Rossi, sottosegretario a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi - supportiamo in maniera concreta un settore fondamentale per la Lombardia che negli ultimi anni è stato colpito duramente prima dalle restrizioni legate al Covid e poi dal caro energia".

"Questa misura, ormai diventata strutturale - ha evidenziato il pluricampione olimpico - nella politica di Regione Lombardia, conferma l'attenzione e la sensibilità di Regione alle richieste di aiuto che provengono dal territorio. Si tratta di risorse importanti per gli operatori del settore che produrranno effetti positivi a cascata per migliaia di famiglie che di montagna vivono. Un contributo di sostanza a un comparto nevralgico per lo sport invernale e per l'economia delle nostre montagne che, fra quattro anni, saranno protagoniste assolute in Italia e nel mondo con le Olimpiadi invernali del 2026".

"Il bando - ha concluso Rossi - sarà pubblicato entro giugno. Sono previsti contributi finalizzati a garantire la sicurezza nella pratica degli sport sulla neve, per la copertura dei costi di gestione e di esercizio degli impianti di risalita e delle piste da sci dotate di impianti di produzione di neve programmata. Per il periodo 2021-2022 le domande potranno essere presentate dal 18 luglio al 9 settembre. Verranno erogati sino 125.000 euro per richiesta. Puntiamo a far arrivare ai beneficiari i bonifici delle prime quote entro novembre".

Sono ammissibili a contributo regionale le spese di gestione ed esercizio per il funzionamento degli impianti di risalita e di innevamento artificiale, sostenute dal 1 novembre 2021 al 30 aprile 2022 e dal 1 novembre 2022 al 30 aprile 2023. Vi rientrano quelle sostenute per i consumi di energia elettrica, il consumo del carburante dei mezzi atti alla sistemazione e battitura delle piste, l'approvvigionamento idrico per la produzione di neve programmata, i costi connessi agli interventi di manutenzione ordinaria e messa in sicurezza degli impianti di risalita e delle piste da sci. Sono inclusi, inoltre, i costi relativi all'applicazione dei protocolli Covid. Il contributo complessivamente assegnabile è al massimo del 70% delle spese ammissibili.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli