Da Regione Lombardia 3,5 mln per strutture sportive all’aperto

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 15 giu. (askanews) - La Giunta della Regione Lombardia ha stanziato 3,5 milioni di euro per finanziare il bando 'Sport outdoor 2021' dedicato alla creazione di strutture all'aperto. Il contributo a fondo perduto in conto capitale è utilizzabile per la pratica dello sport all'esterno (playground) e delle aree attrezzate per lo skyfitness. Il bando aprirà entro luglio e sono previste due differenti linee di contributo utilizzabili anche per finanziare più progetti: dal basket al corpo libero, dallo skateboard al parkour. Oltre ai contributi per sostenere i vari interventi sulle aree e sulle attrezzature saranno previsti contributi anche per l'integrazione di questi spazi salute con la rete Internet grazie al wi-fi libero. Potranno presentare domanda gli enti pubblici proprietari o gestori delle aree dedicate all'attività fisica. Tra questi: Comuni, Province, Comunità montane, Città Metropolitana ed enti Parco.

"Il benessere psicofisico - ha sottolineato in una nota Antonio Rossi, sottosegretario alla Presidenza della Regione con delega a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi - è alla base dello 'stare bene'. Con questa misura vogliamo incentivare tutti i lombardi a mantenersi in forma e a riconquistare i propri spazi vitali a favore della salute, dopo i mesi di restrizioni legati al Covid. Per ripartire il benessere generale è fondamentale, e noi vogliamo aiutare chiunque lo voglia a raggiungerlo, anche fornendo strumenti per allenarsi a costo zero".

"La pandemia - ha aggiunto Rossi - ha evidenziato l'importanza dello sport come valvola di sfogo dallo stress e dalle preoccupazioni quotidiane. Anche per questo l'attività fisica individuale all'aperto è stata sempre permessa durante il lockdown". Rossi ha ricordato che attualmente in Lombardia ci sono 3.415 playground e aree per compiere attività all'aperto. Di questi, il 98% è di proprietà o, comunque, gestione pubblica e solo il 2% è a gestione privata o mista. Di questi 228 risultano non usufruibili o parzialmente utilizzabili a causa di danneggiamenti o degrado. La misura approvata potrà essere sfruttata anche per la loro riqualificazione e l'eliminazione delle barriere architettoniche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli