"Da Roma a Trieste e giù fino a Lecce". Salvini lancia la Piazza Continua di chi chiede il rispetto del voto

HuffPost

“Tutta Italia si sta mobilitando contro questo governo che non ha nessuna presa sul consenso popolare. Domenica scorsa abbiamo fatto straripare di gente il prato di Pontida, il 19 ottobre confidiamo di essere ancora di più a Roma, mentre non si contano le singole iniziative di piazza: ad Aosta, Trieste, Bergamo, Parma, Napoli, Lecce”. Così il segretario leghista Matteo Salvini descrive il suo progetto di opposizione, intervistato da Roberto Sommella per Milano Finanza. Un progetto di Piazza Continua, da realizzare insieme a “migliaia di persone che si stanno organizzando per riprendersi il loro diritto a essere governati da chi hanno votato e non da chi le ultime elezioni le ha sempre sistematicamente perse”.

“Il governo – rimarca Salvini - è nato solo per mantenere le poltrone ed evitare la vittoria della Lega: non ha un progetto né dignità. Esattamente come Renzi”.

Nessun pentimento né depressione, assicura il leghista:

“Rifarei tutto, il governo era fermo e i 5Stelle bloccavano tutto, non solo la TAV, quello che serviva al Paese. Questo governo senza dignità e progetti comuni è nato da una settimana e già litigano e fanno scissioni, è un problema per tutti, da Nord a Sud”.

Nostalgia della poltrona?

“Non sono depresso, sono tranquillo e giro l’Italia perché dobbiamo essere pronti. Sarò in Umbria e in Emilia Romagna (dove sono confermati i candidati della Lega, alle regionali, ndr) ma anche in Calabria, Lazio, Liguria. Mi concentrerò su Roma e sul duo Raggi-Zingaretti. Solo a Roma lo smaltimento dei rifiuti è un costo”.

In Italia al Nord governa la Lega in coalizione, ma è fuori dal Conte bis: arriva la secessione?

“Oggi la ricetta moderna, concreta, efficiente e valida per far crescere tutto il Paese si chiama autonomia, per premiare il merito e punire lo spreco e l’incapacità di pessimi politici. Occorre ridurre le distanze fra Nord e Sud, distanze che una gestione centralista e assistenzialista hanno purtroppo...

Continua a leggere su HuffPost