Da spin off PoliMi nasce sistema monitoraggio infrastrutture

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 24 gen. (askanews) - Gred, spin off del Politecnico di Milano basata all'innovation hub ComoNext, ha lanciato Gims (Geodetic Integrated Monitoring System), un nuovo sistema con tecnologie satellitari integrate per il controllo dei movimenti della crosta terrestre e il monitoraggio dello stato di salute delle infrastrutture, come ad esempio i ponti.

Gims è un progetto internazionale coordinato dalla capofila Gred e il cui finanziamento, pari a 2 milioni di euro, è stato messo a disposizione per il 70% da Ue nell'ambito del programma quadro per la ricerca e l'innovazione Horizon 2020 e per il 30% dai soggetti partner di Gred.

"Siamo molto soddisfatti - ha dichiarato Fernando Sansò, presidente di Gred, e professore emerito del Politecnico di Milano - di avere raggiunto, in quanto soggetto coordinatore del progetto, il momento della messa a terra. Siamo sicuri che il nuovo sistema di monitoraggio possa giocare un ruolo di primo piano all'interno dell'attività di controllo delle infrastrutture, per garantire livelli di sicurezza adeguati a salvaguardia della popolazione".

Il progetto Gims si avvale di due tecnologie satellitari, ovvero Gnss (Global Navigation Satellite System) e Sar, solitamente utilizzate separatamenteche recepiscono i segnali di sistemi satellitari differenti, rispettivamente Galileo e Copernico. Il sistema funziona anche in chiave predittiva, in quanto è in grado di lanciare warning in vista di possibili movimenti della crosta terrestre permettendo di pianificare interventi di manutenzione anche nel breve periodo. Finora il progetto Gims è stato testato in territorio sloveno, precisamente nelle aree di Vipava e Potoska per rilevare i movimenti in corso che interessano le due frane e le loro risposte a driver esterni.