Da Università Lumsa laurea honoris causa a Liliana Segre

Red/Cro/Bla
·2 minuto per la lettura

Roma, 27 ott. (askanews) - L'Università Lumsa di Roma, in occasione dell'anniversario della fondazione dell'Ateneo e dell'inaugurazione del nuovo anno accademico 2020-2021, ha conferito la laurea magistrale honoris causa in Relazioni internazionali alla senatrice a vita Liliana Segre per i suoi meriti culturali e per l'impegno profuso nella testimonianza e nella difesa dei diritti umani. Poco prima del conferimento della laurea magistrale ad honorem, Monica Lugato, ordinario di Diritto internazionale, ha tenuto una laudatio illustrando i meriti della senatrice nonché le motivazioni di tale onorificenza. E intervenuta quindi la stessa Segre, in collegamento dalla sua abitazione di Milano, per pronunciare una lectio magistralis. "Scuola e Università costituiscono uno snodo decisivo per infondere virtute e canoscenza. Grazie ancora per l'onore che mi avete fatto e non posso non esprimere tutto il mio dispiacere per non aver potuto partecipare di persona a causa dei tempi che stiamo vivendo tutti. Sono momenti difficili e dobbiamo essere di nuovo, un'altra volta, forti e coraggiosi, avere la speranza e credere che si potrà anche questa volta, con una gamba davanti all'altra, uscire dalla pandemia", ha detto Segre in collegamento dalla sua abitazione di Milano, per pronunciare una lectio magistralis. Alla cerimonia era presente anche il ministro dell'Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, "Dobbiamo ridare un ruolo nella nostra società ai giovani, che troppo spesso hanno sofferto la mancanza di centralità nelle nostre politiche. Una mancanza di investimento e generosità intergenerazionale che è la caratteristica di ogni società sana. Questo momento ci deve far riflette anche sul ruolo che l'università ha nel nostro Paese: un luogo di memoria e trasmissione dei valori di tolleranza e inclusione gli unici in grado di difenderci e costruire l'antidoto a quei virus tornano spesso nella nostra storia", ha sottolineato Manfredi.