Da 'venduto' a 'Giuseppi', Conte nel mirino in Aula

webinfo@adnkronos.com

Urla, fischi, insulti. Conte replica in Aula ed è bagarre. Durissima l'opposizione nei confronti del premier: è dai banchi di Fratelli d'Italia e Lega che si alzano infatti cori da stadio e grida di disapprovazione a ogni parola del presidente del Consiglio, costretto dagli eventi a interrompere più volte. "Venduto", l'accusa al premier 'reo' della neo alleanza col Pd. "Vergogna", l'imperativo che eccheggia più e più volte nell'emiciclo. Dai banchi della destra - stamane in piazza Montecitorio a manifestare durante il discorso per la fiducia - anche l'invito alla "dignità" e lo sfottò in 'stile Trump', urlato come fosse un'incitazione: "Vai Giuseppi!", storpiano il nome, incassando il richiamo del presidente Fico. Che non riesce a placare gli animi.