Dagli assorbenti allo scontrino unico, le novità del decreto fiscale

Filippo Frignani

Dalla riduzione delle sanzioni per chi è in ritardo con i pagamenti della Tari e dell'Imu alla riduzione dell'Iva dal 22 al 5% sugli assorbenti e sui tamponi biodegradabili e compostabili. Sono le principali novità sul decreto fiscale in discussione alla Camera. Le votazioni agli emendamenti riprenderanno in mattinata (la seduta di ieri sera è stata annullata) e si attendono altre proposte di modifica del governo e dei relatori.

L'intenzione è quella di chiudere in commissione domani notte per inviare il testo in Aula lunedì sera. Martedì il governo dovrebbe porre la questione di fiducia. Il taglio alla 'tampon tax' e' per il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, "un primo segnale di attenzione per milioni di ragazze e donne su cui abbiamo lavorato con le deputate di maggioranza dell'Intergruppo donne".

Soddisfatta anche Laura Castelli, viceministro all'Economia: "Si tratta - commenta - di un grande risultato, cui abbiamo lavorato intensamente con il Parlamento in questi anni. Un segnale di civiltà, con una visione green".

Tra le modifiche ancora non arrivate in commissione dovrebbe esserci anche quella che aumenta l'indennità per i sindaci dei comuni fino a tremila abitanti (che oggi ricevono dai 1.290 ai 1.450 euro lordi e che se la modifica passerà potranno ottenere dai 1.400 ai 1.500 euro netti al mese), mentre tra quelle approvate c'è quella (passata all'unanimità) che concede ai contribuenti la possibilità di regolarizzare spontaneamente la propria posizione con il Fisco, godendo della riduzione delle sanzioni, anche nel caso di mancati pagamenti dei tributi locali come Tasi, Tari e Imu.

Via libera anche all'emendamento dei relatori sullo scontrino unico. Dal 2021 i Pos potranno essere utilizzati come unico strumento sia per i pagamenti, elettronici e in contanti, che per la certificazione degli scontrini telematici. Semaforo verde infine al bonus del 30% sulle commissioni dei pagamenti con carta anche per le transazioni con smartphone.

Continua intanto la polemica tra l'opposizione e il governo. Massimo Garavaglia (Lega) ha affermato che l'esecutivo "è pronto a portare una proposta per lo stanziamento di risorse per aumentare gli stipendi dei vertici e dei funzionari del ministero dell'Economia". Immediata la replica. Fonti del Mef bollano la dichiarazione dell'ex viceministro come una "speculazione politica" e assicurano che l'emendamento sulle strutture del ministero di via XX settembre "non aumenta né potrebbe aumentare in alcun modo gli stipendi dei vertici e dei funzionari del Ministero, che sono sottoposti a rigorosi tetti di legge".

Sul fronte manovra, in discussione al Senato, il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, ha confermato la possibilità che la legge quadro per l'Autonomia differenziata entri in nel ddl di Bilancio, se - ha specificato - "siamo tutti d'accordo".