Dai Daft Punk all'orchestra sinfonica: Thomas Bangalter al teatro dell'Opera di Bordeaux

In "Mythologies", la sua ultima creazione mondiale presentata venerdì a Bordeaux, il coreografo Angelin Preljocaj propone la musica di un compositore inaspettato, l'ex-Daft Punk Thomas Bangalter, che firma il suo primo pezzo per orchestra sinfonica.

Protagonista degli anni della cosiddetta "French Touch" nell'house e nell'elettronica,  Bangalter torna sulla scena nella più inaspettata delle vesti.

"È incredibile, i Daft Punk si stanno sciogliendo e quello che verrà fuori è un lavoro per orchestra senza elettronica", si meraviglia Angelin Preljocaj poche ore prima della prima. In programma al Grand-Théâtre de Bordeaux fino al 10 luglio, la creazione, coprodotta con l'Opéra National de Bordeaux, sarà in tournée per 37 date a partire da settembre.

"Da diversi anni volevamo fare qualcosa insieme", ha dichiarato il 65enne coreografo francese "Gli ho chiesto se era interessato a scrivere per un'orchestra, era molto propenso a farlo, molto prima dello scioglimento dei Daft Punk"

"Thomas aveva bisogno di un libretto con cui lavorare, così ho scritto un libretto con diverse mitologie, e lui ha scritto la musica" continua il coreografo.

Abbandonare le macchine per comporre la partitura di un balletto è un processo che ha necessariamente "richiesto molto tempo", dice Romain Dumas, il direttore d'orchestra, al centro della realizzazione dell'opera plasmata da tre persone, come in un "ping-pong" creativo.

"Appassionato di Vivaldi"

"Quando si scrive per l'elettronica, non è necessario tenere conto di fattori come la gestione del fiato da parte dei fiati o il modo in cui gli archi attaccano una nota", spiega il direttore d'orchestra.

Questo progetto si è rivelato una sfida anche per i musicisti, che si sono sottoposti a un "allenamento assiduo", quasi da "sportivi", per tradurre la musica di Thomas Bangalter, a volte nervosa ma a volte anche lirica o con accenti cinematografici.

In questa partitura, il compositore richiama le influenze della musica barocca. "Thomas è affascinato da Vivaldi e Bach", ma anche dalla "corrente del minimalismo americano", da John Cage a Steve Reich, "che ha permeato l'intero stile dell'attuale musica da film americana", afferma il direttore d'orchestra Romain Dumas. E in questo ensemble "ci sono più cose elettroniche, motivi estremamente brevi e ripetuti (...) qualcosa di molto complicato per il gesto strumentale umano".

Nell'unica intervista rilasciata all'account Facebook dell'Opera di Bordeaux, Thomas Bangalter confida: "Il motivo per cui ho accettato questo progetto (perché non mi piace fare cose già fatte) è che sarebbe stato interessante dal punto di vista compositivo.