Dai ghiacci dell��Antartide la scoperta della prima sorgente extragalattica di neutrini

Felicia Barbato

Non tutti gli astrofisici scrutano il cielo attraverso un telescopio ottico, l'esperimento IceCube, situato nei ghiacci dell'Antartide, ha annunciato in una conferenza stampa la scoperta della prima sorgente di neutrini cosmici fuori dalla nostra galassia.

Questa scoperta segna un importante passo nella comprensione di come l'Universo sia fatto e funzioni. Per la prima volta gli scienziati sono in grado di rispondere ad un'annosa questione...dove hanno origine i raggi cosmici?

I raggi cosmici sono particelle provenienti dall'Universo, scoperte nel 1912 da Victor Hess, e rappresentano un interessante strumento di indagine per l'astrofisica aprendo un nuovo canale della ricerca. Questi sono costituiti per lo pi羅 da particelle cariche che vengono quindi deviate dai campi magnetici nel loro percorso.

Fino a pochi anni fa, quando la formazione di raggi cosmici 癡 stata associata a quella di neutrini cosmici, apparentemente sembrava non esserci possibilit� di ricostruire le direzioni di provenienza dei raggi cosmici e quindi di capire da cosa si originassero e cosa potesse dare loro quell'energia cos穫 elevata.

Oggi per la prima volta possiamo dare una risposta a questa domanda e siamo pi羅 coscienti di cosa cercare nell'Universo per capirne il funzionamento.

Il protagonista della scoperta: la particella "fantasma"

I neutrini sono particelle elementari che hanno sempre fatto parlare di s矇, mattoni che costituiscono l'Universo e che viaggiano attraverso di esso a una velocit� vicina a quella della luce per miliardi di anni luce arrivando anche sulla Terra.

La loro fama deriva dalla costante sfida nel cercarli poich矇 questi sono forse i pi羅 importanti messaggeri dell'Universo. Grazie alla loro natura priva di carica elettrica, i neutrini viaggiano seguendo sempre la stessa direzione a partire dalla sorgente, il punto in cui nascono.

Nonostante l'elevatissimo numero di neutrini che attraversano la Terra, un nostro dito 癡 attraversato da circa 10 miliardi...

Continua a leggere su HuffPost