Daimler, Bosch e Nvidia insieme per la guida autonoma nella Silicon Valley

feedback@motor1.com (Massimo Grassi)
bosch daimler guida autonoma

Nel 2019 i primi test in California per guida autonoma di Livello 4 e 5

Quale poteva essere se non la Silicon Valley il teatro per le prime sperimentazioni di veicoli a guida autonoma da parte di Daimler e Bosch, intenzionate a mettere su strada i primi prototipi entro la metà del 2019. Un piano che vede le 2 aziende tedesche impegnate a offrire un servizio di trasporto su navette senza guidatore, equipaggiate con intelligenza artificiale firmata Nvidia, l’azienda statunitense “mamma” della piattaforma Drive Pegasus.

Comunicazione ultra veloce

Come spesso ripetiamo il fulcro su cui poggia la guida autonoma è la velocità di trasmissione delle informazioni, sia tra auto sia tra i vari sistemi che la guidano. È fondamentale ad esempio che, una volta rilevato un ostacolo, sensori o telecamere comunichino all’istante con il cervellone elettronico centrale che, a sua volta, dovrà impartire il comando corretto a volante, freno o acceleratore. Nei veicoli sviluppati da Daimler e Bosch tutto ciò sarà reso possibile dai singoli elementi sviluppati dalle 2 aziende, che comunicheranno tra loro grazie alla piattaforma di intelligenza artificiale sviluppata da Nvidia, in grado di analizzare in pochi millisecondi tutte le informazioni provenienti da radar, lidar, sensori e telecamere. In totale il nuovo sistema per la guida autonoma sarà in grado di eseguire triliardi di operazioni al secondo.

L’auto dal guidatore

Come detto i primi test inizieranno verso la metà del 2019 in un luogo della Silicon Valley, la capitale tecnologica mondiale, dove sorgono colossi come Amazon, Apple, Facebook, Intel, Microsoft, Tesla e la stessa Nvidia. Le navette a guida autonoma che si muoveranno nell’area della baia di San Francisco permetteranno a Daimler e Bosch di raccogliere dati su come i veicoli che si guidano da soli possono integrarsi all’interno delle città e dei servizi intermodali come car sharing, servizi pubblici e così via.

Leggi anche:

Bosch “L'intelligenza artificiale sarà fondamentale per la guida autonoma”Guida autonoma, test senza guidatore in California. Forse